Corsi antincendio – caratteristiche dei formatori

novembre 2008

Nei luoghi di lavoro il personale deve essere informato sui rischi legati all’incendio.  Chi può dare però l’informazione e soprattutto la formazione ai lavoratori? Sotto questo punto di vista esiste una certa flessibilità perchè le norme vigenti non specificano esattamente i requisiti di coloro che possono svolgere tale attività. La domanda, quindi, non ha una risposta univoca, visto che il datore di lavoro è tenuto ad incaricare persone che possano svolgere i programmi stabiliti dalla norma (nel caso particolare, il decreto ministeriale 10 marzo 1998, allegato IX). Nell’ambito della sua valutazione, quindi, possono ricadere diverse possibilità di curriculum professionale. Ad esempio, una persona che può dimostrare una esperienza pluriennale nel settore della sicurezza antincendio ed è in possesso di attestati che dimostrino il superamento di corsi, dovrebbe essere adeguata alle necessità, ferma restando la responsabilità del datore di lavoro nei riguardi della scelta di tale figura.

3 Risposte to “ Corsi antincendio – caratteristiche dei formatori ”

  1. p.i. Antonio Simone on maggio 2010 at 8:33 am

    I requisiti dei formatori in tema di antincendio e specificamente dei corsi obbligatori previsti dal D.M. 10.3.98 anche se non regolamentati per i livelli basso/medio, risultano abbastanza chiari ed inderogabili per il livello “alto rischio icnendio”. Infatti l’allegato X prevede che i lavoratori interessati ricevano un attestato ai sensi della legge 609/96 che solo i Comandi Vigili del Fuoco possono rislasciare.

  2. getano palminteri on agosto 2010 at 7:01 am

    non sono d accordo.il compito vvf sta nel certificare anche corsi svolti da terzi sia alto che medio’per competenza territoriale.Sito vigilfuoco.Saluti

  3. comitato tecnico on dicembre 2010 at 11:45 pm

    Si, per quanto ne sappiamo i requisiti sono quelli indicati nell’articolo.

    La Segreteria tecnica

Scrivi un commento