Sicurezza antincendio delle scuole

giugno 2008

D.M. 26 AGOSTO 1992 è il testo che regola la sicurezza antincendio nelle scuole di ogni ordine. Ne riportiamo il testo, scaricabile in formato pdf:

dm-26-8-98-scuole

MINISTERO DELL’INTERNO
DECRETO MINISTERIALE 26 agosto 1992
(G. U. n. 218 del 16 settembre 1992)
Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica
IL MINISTRO DELL’INTERNO
VISTA la legge 27 dicembre 1941, n. 1570;
VISTA la legge 13 maggio 1961, n. 469, articoli1 e 2;
VISTA la legge 26 luglio 1965, n. 966, art. 2;
RILEVATA la necessità di emanare norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica;
VISTE le norme elaborate dal Comitato centrale tecnico scientifico per la prevenzione incendi di
cui all’art. 10 del decreto del Presidente della Repubblica 29 luglio 1982, n. 577;
VISTO l’art. 11 del decreto del Presidente della Repubblica 29 luglio 1982, n. 577;
DECRETA:
Sono approvate le norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica contenute in
allegato al presente decreto.
Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. E’ fatto
obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
ALLEGATO
NORME DI PREVENZIONE INCENDI PER L’EDILIZIA SCOLASTICA
1. GENERALITA’
1.0 Scopo
Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare negli edifici e nei
locali adibiti a scuole, di qualsiasi tipo, ordine e grado, allo scopo di tutelare l’incolumità delle
persone e salvaguardare i beni contro il rischio di incendio.
Ai fini delle presenti norme si fa riferimento ai termini e definizioni generali di cui al decreto
ministeriale 30 novembre 1983 (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983).
1.1. Campo di applicazione
Le presenti norme si applicano agli edifici ed ai locali di cui al punto 1.0 di nuova costruzione o agli
edifici esistenti in caso di ristrutturazioni che comportino modifiche sostanziali, i cui progetti siano
presentati agli organi competenti per le approvazioni previste dalle vigenti disposizioni, dopo
l’entrata in vigore del presente decreto. Si intendono per modifiche sostanziali lavori che
comportino il rifacimento di oltre il 50% dei solai o il rifacimento strutturale delle scale o l’aumento
di altezza.
Per gli edifici esistenti si applicano le disposizioni contenute nel successivo punto 13.
1.2. Classificazione
Le scuole vengono suddivise, in relazione alle presenze effettive contemporanee in esse prevedibili
di alunni e di personale docente e non docente, nei seguenti tipi:
- tipo 0: scuole con numero di presenze contemporanee fino a: 100 persone;
- tipo 1: scuole con numero di presenze contemporanee da 101 a 300 persone;
- tipo 2: scuole con numero di presenze contemporanee da 301 a 500 persone;
- tipo 3: scuole con numero di presenze contemporanee da 501 a 800 persone;
- tipo 4: scuole con numero di presenze contemporanee da 801 a 1200 persone;
- tipo 5: scuole con numero di presenze contemporanee oltre le 1200 persone.
Alle scuole di tipo «0» si applicano le particolari norme di sicurezza di cui al successivo punto 11.
Ogni edificio, facente parte di un complesso scolastico purché non comunicante con altri edifici,
rientra nella categoria riferita al proprio affollamento.
2. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
2.0. Scelta dell’area
Gli edifici da adibire a scuole, non devono essere ubicati in prossimità di attività che comportino
gravi rischi di incendio e/o di esplosione.
Per quanto riguarda la scelta del sito, devono essere tenute presenti le disposizioni contenute nel
decreto del Ministro dei lavori pubblici 18 dicembre 1975 (Gazzetta Ufficiale n. 29 del 2 febbraio
1976).
2.1. Ubicazione
I locali ad uso scolastico possono essere ubicati:
a) in edifici indipendenti costruiti per tale specifica destinazione ed isolati da altri;
b) in edifici o locali esistenti, anche adiacenti, sottostanti o sovrastanti ad altri aventi destinazione
diversa, nel rispetto di quanto specificato al secondo comma del punto 2.0, purché le norme di
sicurezza relative alle specifiche attività non escludano la vicinanza e/o la contiguità di scuole.
2.2. Accesso all’area.
Per consentire l’intervento dei mezzi di soccorso dei Vigili del fuoco gli accessi all’area ove
sorgono gli edifici oggetto delle presenti norme devono avere i seguenti requisiti minimi:
- larghezza: 3,50 m;
- altezza libera: 4 m;
- raggio di volta: 13 m;
- pendenza: non superiore al 10%;
- resistenza al carico: almeno 20 tonnellate (8 sull’asse anteriore e 12 sull’asse posteriore; passo 4
m).
2.3. Accostamento autoscale.
Per i locali siti ad altezza superiore a m 12 deve essere assicurata la possibilità di accostamento
all’edificio delle autoscale dei Vigili del fuoco, sviluppate come da schema allegato (allegato 1),
almeno ad una qualsiasi finestra o balcone di ogni piano.
Qualora tale requisito non sia soddisfatto gli edifici di altezza fino a 24 m devono essere dotati di
scale protette e gli edifici di altezza superiore, di scale a prova fumo.
2.4. Separazione.
Le attività scolastiche ubicate negli edifici e nei locali di cui alla lettera b) del punto 2.1. devono
essere separati dai locali a diversa destinazione, non pertinenti l’attività scolastica, mediante
strutture di caratteristiche almeno REI 120 senza comunicazioni.
Fanno eccezione le scuole particolari che per relazione diretta con altre attività necessitano della
comunicazione con altri locali (es. scuole infermieri, scuole convitto ecc.), per le quali è ammesso
che la comunicazione avvenga mediante filtro a prova di fumo.
Tali attività devono, comunque, avere accessi ed uscite indipendenti.
È consentito che l’alloggio del custode, dotato di proprio accesso indipendente, possa comunicare
con i locali pertinenti l’attività scolastica mediante porte di caratteristiche almeno REI 120.
3. COMPORTAMENTO AL FUOCO
3.0. Resistenza al fuoco delle strutture.1
I requisiti di resistenza al fuoco degli elementi strutturali vanno valutati secondo le prescrizioni e le
modalità di prova stabilite dalla circolare del Ministero dell’interno n. 91 del 14 settembre 1961,
prescindendo dal tipo di materiale impiegato nella realizzazione degli elementi medesimi
(calcestruzzo, laterizi, acciaio, legno massiccio, legno lamellare, elementi compositi).
Il dimensionamento degli spessori e delle protezioni da adottare, per i vari tipi di materiali suddetti,
nonché la classificazione degli edifici in funzione del carico di incendio, vanno determinati con le
tabelle e con le modalità specificate nella circolare n. 91 citata, tenendo conto delle disposizioni
contenute nel decreto ministeriale 6 marzo 1986 (Gazzetta Ufficiale n. 60 del 13 marzo 1986) per
quanto attiene il calcolo del carico di incendio per locali aventi strutture portanti in legno.
Le predette strutture dovranno comunque essere realizzate in modo da garantire una resistenza al
fuoco di almeno R 60 (strutture portanti) e REI 60 (strutture separanti) per edifici con altezza
antincendi fino a 24 m.; per edifici di altezza superiore deve essere garantita una resistenza al fuoco
almeno di R 90 (strutture portanti) e REI 90 (strutture separanti).
1 Ai fini dell’applicazione del presente punto occorre fare riferimento al DM 16 febbraio 2007 recante “Classificazione
di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione” e al DM 9 marzo 2007 recante
“Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del
fuoco” (Suppl. Ord. n. 87 alla G.U. n. 74 del 29/03/2007).
Per le strutture di pertinenza delle aree a rischio specifico devono applicarsi le disposizioni emanate
nelle relative normative.
3.1. Reazione al fuoco dei materiali.2
Per la classificazione di reazione al fuoco dei materiali, si fa riferimento al decreto ministeriale 26
giugno 1984 (supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 234 del 25 agosto 1984):
a) negli atrii, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe, nei passaggi in genere, è
consentito l’impiego dei materiali di classe I in ragione del 50% massimo della loro superficie totale
(pavimento + pareti + soffitto + proiezioni orizzontali delle scale).
Per le restanti parti debbono essere impiegati materiali di classe 0;
b) in tutti gli altri ambienti è consentito che le pavimentazioni compresi i relativi rivestimenti siano
di classe 2 e che gli altri materiali di rivestimento siano di classe 1; oppure di classe 2 se in presenza
di impianti di spegnimento automatico asserviti ad impianti di rivelazione incendi.
I rivestimenti lignei possono essere mantenuti in opera, tranne che nelle vie di esodo e nei
laboratori, a condizione che vengano opportunamente trattati con prodotti vernicianti omologati di
classe 1 di reazione al fuoco, secondo le modalità e le indicazioni contenute nel decreto ministeriale
6 marzo 1992 (Gazzetta Ufficiale n. 66 del 19 marzo 1992);
c) i materiali di rivestimento combustibili, ammessi nelle varie classi di reazione al fuoco debbono
essere posti in opera in aderenza agli elementi costruttivi, di classe 0 escludendo spazi vuoti o
intercapedini;
d) i materiali suscettibili di prendere fuoco su entrambe le facce (tendaggi, ecc.) devono essere di
classe di reazione al fuoco non superiore a 1.
4. SEZIONAMENTI
4.0. Compartimentazione.
Gli edifici devono essere suddivisi in compartimenti anche costituiti da più piani, di superficie non
eccedente quella indicata nella tabella A.
Gli elementi costruttivi di suddivisione tra i compartimenti devono soddisfare i requisiti di
resistenza al fuoco indicati al punto 3.0.
TABELLA A
____________________________________________________________
Altezza antincendi Massima superficie
del compart. (m2)
____________________________________________________________
fino a 12 m 6.000
da 12 m a 24 m 6.000
da oltre 24 m a 32 m 4.000
da oltre 32 m a 54 m 2.000
____________________________________________________________
4.1. Scale.
Le caratteristiche di resistenza al fuoco dei vani scala devono essere congrue con quanto previsto al
punto 3.0.
La larghezza minima delle scale deve essere di m 1,20.
2 Per i prodotti da costruzione si applicano le disposizioni contenute nel D.M. 10/03/05 e nel D.M. 15/03/05 che
recepiscono il sistema europeo di classificazione (G. U. n. 73 del 30/03/2005).
Le rampe devono essere rettilinee, non devono presentare restringimenti, devono avere non meno di
tre gradini e non più di quindici; i gradini devono essere a pianta rettangolare, devono avere alzata e
pedata costanti, rispettivamente non superiore a 17 cm e non inferiore a 30 cm sono ammesse rampe
non rettilinee a condizione che vi siano pianerottoli di riposo e che la pedata del gradino sia almeno
30 cm, misurata a 40 cm dal montante centrale o dal parapetto interno.
Il vano scala, tranne quello a prova di fumo o a prova di fumo interno, deve avere superficie netta di
aerazione permanente in sommità non inferiore ad 1 mq. Nel vano di aerazione è consentita
l’installazione di dispositivi per la protezione dagli agenti atmosferici.
4.2. Ascensori e montacarichi.
Le caratteristiche di resistenza al fuoco dei vani ascensori devono essere congrue con quanto
previsto al punto 3.0.
Gli ascensori e montacarichi di nuova installazione debbono rispettare le norme antincendio
previste al punto 2.5. del decreto del Ministro dell’interno del 16 maggio 1987, n. 246 (pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale del 27 giugno 1987, n. 148).3
5. MISURE PER L’EVACUAZIONE IN CASO DI EMERGENZA
5.0. Affollamento.
Il massimo affollamento ipotizzabile è fissato in:
aule: 26 persone/aula. Qualora le persone effettivamente presenti siano numericamente diverse dal
valore desunto dal calcolo effettuato sulla base della densità di affollamento, l’indicazione del
numero di persone deve risultare da apposita dichiarazione rilasciata sotto la responsabilità del
titolare dell’attività;
aree destinate a servizi: persone effettivamente presenti + 20%;
refettori e palestre: densità di affollamento pari a 0,4 persone/mq.
4 Nel caso di refettori e palestre, qualora le persone effettivamente presenti siano numericamente diverse dal valore
desunto dal calcolo effettuato sulla base delle densità di affollamento indicate al punto 5.0, l’indicazione del numero di
persone deve risultare da apposita dichiarazione rilasciata sotto la responsabilità del titolare dell’attività.
5.1. Capacità di deflusso.
La capacità di deflusso per gli edifici scolastici deve essere non superiore a 60 per ogni piano.
5.2. Sistema di via di uscita.
Ogni scuola, deve essere provvista di un sistema organizzato di vie di uscita dimensionato in base al
massimo affollamento ipotizzabile in funzione della capacità di deflusso ed essere dotata di almeno
2 uscite verso luogo sicuro.
Gli spazi frequentati dagli alunni o dal personale docente e non docente, qualora distribuiti su più
piani, devono essere dotati, oltre che della scala che serve al normale afflusso, almeno di una scala
di sicurezza esterna o di una scala a prova di fumo o a prova di fumo interna.
5 B1) Edifici a tre piani fuori terra: limitatamente agli edifici a tre piani fuori terra è ammesso che, in luogo della scala
esterna o a prova di fumo, sia realizzata una scala protetta a condizione che tutte le scale siano protette e che adducano,
attraverso percorsi di esodo, all’esterno. Nella gestione dell’emergenza si deve tenere conto della realtà dei predetti
percorsi. Ai fini del computo della lunghezza del percorso di cui al punto 5.4, si chiarisce che non deve essere
considerato il percorso interno ai vani scala protetti.
3 Le disposizioni di prevenzione incendi per gli ascensori sono state aggiornate con il D.M. 15 settembre 2005 (G.U. del
5 ottobre 2005, n. 232) recante: “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti
di sollevamento ubicati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi.
4 Deroga in via generale prevista dalla Lettera-Circolare prot. P2244/4122 sott. 32 del 30 ottobre 1996.
5 Deroga in via generale prevista dalla Lettera-Circolare prot. P2244/4122 sott. 32 del 30 ottobre 1996.
B2) Edifici a due piani fuori terra: è ammessa la realizzazione di una sola scala, protetta, alle seguenti condizioni:
- il numero di persone complessivamente presenti al secondo piano sia commisurato alla larghezza della scala,
considerando la capacità di deflusso non superiore a 50;
- il percorso di piano non sia superiore a 15 m. Sono ammessi percorsi di lunghezza non superiore a 25 m se corridoi e
scale sono provvisti di rivestimenti ed arredi di classe 1ª di reazione al fuoco in ragione di non più del 50% della loro
superficie totale (pavimenti, pareti, soffitti e proiezione orizzontale delle scale) e di classe 0 per le restanti parti e ove
ritenuto necessario, di impianto automatico di rivelazione e allarme incendio;
- il percorso da ogni punto dell’edificio fino a luogo sicuro non superi i 45 m.
5.3. Larghezz a delle vie di uscita.
La larghezza delle vie di uscita deve essere multipla del modulo di uscita e non inferiore a due
moduli (m 1,20).
La misurazione della larghezza delle singole uscite va eseguita nel punto più stretto della luce.
Anche le porte dei locali frequentati dagli studenti devono avere, singolarmente, larghezza non
inferiore a m 1,20.
5.4. Lunghezza delle vie di uscita.
La lunghezza delle vie di uscita deve essere non superiore a 60 metri e deve essere misurata dal
luogo sicuro alla porta più vicina allo stesso di ogni locale frequentato dagli studenti o dal personale
docente e non docente.
5.5. Larghezza totale delle uscite di ogni piano.
La larghezza totale delle uscite di ogni piano è determinata dal rapporto fra il massimo affollamento
ipotizzabile e la capacità di deflusso.
Per le scuole che occupano più di tre piani fuori terra, la larghezza totale delle vie di uscita che
immettono all’aperto, viene calcolata sommando il massimo affollamento ipotizzabile di due piani
consecutivi, con riferimento a quelli aventi maggiore affollamento.
5.6. Numero delle uscite.
Il numero delle uscite dai singoli piani dell’edificio non deve essere inferiore a due. Esse vanno
poste in punti ragionevolmente contrapposti.
Per ogni tipo di scuola i locali destinati ad uso collettivo (spazi per esercitazioni, spazi per
l’informazione ed attività parascolastiche, mense, dormitori) devono essere dotati, oltre che della
normale porta di accesso, anche di almeno una uscita di larghezza non inferiore a due moduli,
apribile nel senso del deflusso, con sistema a semplice spinta, che adduca in luogo sicuro.
6 La realizzazione, sia dell’uscita che adduca direttamente in luogo sicuro che di strutture REI 60, prevista dal
combinato disposto dei punti 5.6 – secondo capoverso – e 6.1 – quinto capoverso, è necessaria nel caso di spazi per
esercitazioni nei quali il materiale presente costituisca rischio per carico di incendio o per caratteristiche di
infiammabilità ed esplosività o per complessità degli impianti. Si chiarisce pertanto che non rientrano in tali fattispecie,
ad esempio, le aule di disegno, informatiche, di linguistica, per esercitazioni musicali o similari.
Le aule didattiche devono essere servite da una porta ogni 50 persone presenti; le porte devono
avere larghezza almeno di 1,20 ed aprirsi nel senso dell’esodo quando il numero massimo di
persone presenti nell’aula sia superiore a 25 e per le aule per esercitazione dove si depositano e/o
manipolano sostanze infiammabili o esplosive quando il numero di persone presenti sia superiore a
5.
7 Con il decreto legislativo 19 marzo 1996, n. 242 sono state apportate alcune modifiche alle vigenti disposizioni in
materia di sicurezza nei luoghi di lavoro ed in particolare nell’art. 16 sono state specificate le misure alle quali devono
essere adeguati i luoghi di lavoro esistenti. Al riguardo atteso quanto stabilito dal decreto legislativo 19 settembre 1994,
6 Chiarimento fornito con Lettera-Circolare prot. P2244/4122 sott. 32 del 30 ottobre 1996.
7 Chiarimento fornito con Lettera-Circolare prot. P954/4122 sott. 32 del 17 maggio 1996.
così come modificato dal decreto legislativo 19 marzo 1996, n. 242, relativamente alle uscite dei locali di lavoro, si
ritiene opportuno chiarire che, nell’ambito delle strutture scolastiche costruite od utilizzate prima del 27 novembre
1994, i locali destinati ad aule didattiche ed esercitazioni, non dovranno essere adeguati al 3° comma del punto 5.6
dell’allegato al D.M. 26 agosto 1992, per quanto attiene la larghezza delle porte, essendo le misure ivi previste in
contrasto con i citati decreti legislativi. La larghezza delle porte dei suddetti locali deve in ogni caso essere conforme a
quanto previsto dalla concessione edilizia ovvero della licenza di abitabilità, così come espressamente richiamato
dall’art. 16, 3° comma, del decreto legislativo n. 242/1996. I Comandi provinciali dei Vigili del fuoco sono pregati di
portare a conoscenza di quanto sopra i Provveditorati agli studi, le province ed i comuni, ai fini di chiarire i numerosi
quesiti pervenuti sullo specifico argomento.
Le porte che si aprono verso corridoi interni di deflusso devono essere realizzate in modo da non
ridurre in larghezza utile dei corridoi stessi.
6. SPAZI A RISCHIO SPECIFICO
6.0. Classificazione.
Gli spazi a rischio specifico sono così classificati:
- spazi per esercitazioni;
- spazi per depositi;
- servizi tecnologici;
- spazi per l’informazione e le attività parascolastiche;
- autorimesse;
- spazi per servizi logistici (mense, dormitori).
6.1. Spazi per esercitazioni.
Vengono definiti spazi per esercitazioni tutti quei locali ove si svolgano prove, esercitazioni,
sperimentazioni, lavori, ecc. connessi con l’attività scolastica.
Gli spazi per le esercitazioni ed i locali per depositi annessi devono essere ubicati ai piani fuori terra
o al 1° interrato, fatta eccezione per i locali ove vengono utilizzati gas combustibili con densità
superiore a 0,8 che devono essere ubicati ai piani fuori terra senza comunicazioni con i piani
interrati.
Indipendentemente dal tipo di materiale impiegato nella realizzazione, le strutture di separazione
devono avere caratteristiche di resistenza al fuoco valutate secondo le prescrizioni e le modalità di
prova stabilite nella circolare del Ministero dell’interno n. 91 del 14 dicembre 1961.
Il dimensionamento degli spessori e delle protezioni da adottare per i vari tipi di materiali nonché la
classificazione dei locali in funzione del carico d’incendio, vanno determinati con le tabelle e con le
modalità specificate nella circolare n. 91 citata.
Le predette strutture dovranno comunque essere realizzate in modo da garantire una resistenza al
fuoco di almeno REI 60.
Le comunicazioni tra il locale per esercitazioni ed il locale deposito annesso, devono essere munite
di porte dotate di chiusura automatica aventi resistenza al fuoco almeno REI 60.
Nei locali dove vengono utilizzate e depositate sostanze radioattive e/o macchine radiogene è fatto
divieto di usare o depositare materiali infiammabili.
Detti locali debbono essere realizzati in modo da consentire la più agevole decontaminazione ed
essere predisposti per la raccolta ed il successivo allontanamento delle acque di lavaggio o di
estinzione di principi di incendio.
Gli spazi per le esercitazioni dove vengono manipolate sostanze esplosive e/o infiammabili devono
essere provvisti di aperture di aerazione, permanente, ricavate su pareti attestate all’esterno di
superficie pari ad 1/20 della superficie in pianta del locale.
8 La realizzazione di aperture permanenti di aerazione pari ad 1/20 della superficie in pianta dei locali è necessaria nei
locali ove si manipolano sostanze esplosive e/o infiammabili. A tale proposito si chiarisce che l’utilizzazione di becchi
bunsen o di altri bruciatori alimentati a gas naturale non ricade in tale fattispecie.
Si ricorda peraltro che le apparecchiature e le relative aperture di aerazione devono essere conformi alle norme di
buona tecnica in materia di sicurezza degli apparecchi a gas e si fa presente che i locali destinati a laboratori chimici
didattici e di ricerca dove si utilizzano sostanze esplosive o infiammabili devono essere dotati di impianti di
ventilazione idonei ad evitare il ristagno e/o l’accumulo di gas e vapori (tossici e/o infiammabili) e di apposite cappe di
aspirazione.
Qualora vengano manipolati gas aventi densità superiore a 0,8 delle predette aperture di aerazione,
almeno 1/3 della superficie complessiva deve essere costituito da aperture, protette con grigliatura
metallica, situate nella parte inferiore della parete attestata all’esterno e poste a filo pavimento.
Le apparecchiature di laboratorio alimentate a combustibile gassoso devono avere ciascun
bruciatore dotato di dispositivo automatico di sicurezza totale che intercetti il flusso del gas in
mancanza di fiamma.
6.2. Spazi per depositi.
Vengono definiti «spazi per deposito o magazzino» tutti quegli ambienti destinati alla
conservazione di materiali per uso didattico e per i servizi amministrativi.
9 Si chiarisce che per “deposito” devono essere intesi gli ambienti destinati alla conservazione dei materiali per uso
didattico e per i servizi amministrativi, con l’esclusione degli archivi e delle biblioteche in cui sia prevista la presenza
continuativa di personale durante l’orario di attività scolastica. Pertanto, solo nei locali con carico di incendio superiore
a 30 kg/m in cui non sia prevista la presenza continuativa di personale dovranno essere realizzati gli impianti
automatici di rivelazione di incendio (locali fuori terra) o di estinzione (locali interrati) come disposto dal punto 9.3. Nei
depositi, inoltre, è fatto divieto di fumare o fare uso di fiamme libere.
I depositi di materiali solidi combustibili possono essere ubicati ai piani fuori terra o ai piani 1° e 2°
interrati.
Indipendentemente dal tipo di materiale impiegato nella realizzazione le strutture di separazione
devono avere caratteristiche di resistenza al fuoco valutate secondo le prescrizioni e le modalità di
prova stabilite nella circolare del Ministero dell’interno n. 91 del 14 settembre 1961.
Il dimensionamento degli spessori e delle protezioni da adottare per i vari tipi di materiali nonché la
classificazione dei depositi in funzione del carico di incendio, vanno determinati secondo le tabelle
e con le modalità specificate nella circolare n. 91 citata.
Le predette strutture dovranno comunque essere realizzate in modo da garantire una resistenza al
fuoco di almeno REI 60.
L’accesso al deposito deve avvenire tramite porte almeno REI 60 dotate di congedo di autochiusura.
La superficie massima lorda di ogni singolo locale non può essere superiore a:
1000 m2 per i piani fuori terra;
500 m2 per i piani 1° e 2° interrato.
I suddetti locali devono avere apertura di aerazione di superficie non inferiore ad 1/40 della
superficie in pianta, protette da robuste griglie a maglia fitta.
Il carico di incendio di ogni singolo locale non deve superare i 30 kg/m2, qualora venga superato il
suddetto valore, nel locale dovrà essere installato un impianto di spegnimento a funzionamento
automatico.
Ad uso di ogni locale dovrà essere previsto almeno un estintore, di tipo approvato, di capacità
estinguente non inferiore a 21 A, ogni 200 m2 di superficie.
I depositi di materiali infiammabili liquidi e gassosi devono essere ubicati al di fuori del volume del
fabbricato: lo stoccaggio, la distribuzione e l’utilizzazione di tali materiali devono essere eseguiti in
conformità delle norme e dei criteri tecnici di prevenzione incendi. Ogni deposito dovrà essere
8 Chiarimento fornito con Lettera-Circolare prot. P954/4122 sott. 32 del 17 maggio 1996.
9 Chiarimento fornito con Lettera-Circolare prot. P954/4122 sott. 32 del 17 maggio 1996.
dotato di almeno un estintore di tipo approvato, di capacità estinguente non inferiore a 21 A, 89 B,
C ogni 150 m2 di superficie.
Per esigenze didattiche ed igienico-sanitarie è consentito detenere complessivamente, all’interno del
volume dell’edificio, in armadi metallici dotati di bacino di contenimento, 20 l di liquidi
infiammabili.
6.3 Servizi tecnologici.
6.3.0. Impianti di produzione di calore.
Per gli impianti di produzione di calore valgono le disposizioni di prevenzione incendi in vigore.
È fatto divieto di utilizzare stufe funzionanti a combustibile liquido o gassoso, per il riscaldamento
di ambienti.
6.3.1. Impianti di condizionamento e di ventilazione.
Gli eventuali impianti di condizionamento e di ventilazione possono essere centralizzati o
localizzati.
Nei gruppi frigoriferi devono essere utilizzati come fluidi frigorigeni prodotti non infiammabili.
Negli impianti centralizzati di condizionamento aventi potenza superiore a 75 Kw i gruppi
frigoriferi devono essere installati in locali appositi, così come le centrali di trattamento aria
superiori a 50.000 mc/h (portata volumetrica).
Le strutture di separazione devono presentare resistenza al fuoco non inferiore a REI 60 e le
eventuali comunicazioni in esse praticate devono avvenire tramite porte di caratteristiche almeno
REI 60 dotate di congegno di autochiusura.
Le condotte non devono attraversare:
- luoghi sicuri, che non siano a cielo libero;
- vie di uscita;
- locali che presentino pericolo di incendio, di esplosione e di scoppio.
L’attraversamento può tuttavia essere ammesso se le condotte sono racchiuse in strutture resistenti
al fuoco di classe almeno pari a quella del vano attraversato.
Qualora le condotte debbano attraversare strutture che delimitano i compartimenti, nelle condotte
deve essere installata, in corrispondenza degli attraversamenti almeno una serranda resistente al
fuoco REI 60.
1. Le condotte devono essere realizzate in materiale di classe di reazione al fuoco 0 (zero). Nel caso
di condotte preisolate, realizzate con diversi componenti tra loro stratificati di cui almeno uno con
funzione isolante, è ammessa la classe di reazione al fuoco 0 – 1 (zero-uno). Detta condizione si
intende rispettata quando tutte le superfici del manufatto, in condizione d’uso, sono realizzate con
materiale incombustibile di spessore non inferiore a 0,08 millimetri e sono in grado di assicurare,
anche nel tempo, la continuità di protezione del componente isolante interno che deve essere di
classe di reazione al fuoco non superiore ad 1 (uno).
I giunti ed i tubi di raccordo, la cui lunghezza non può essere superiore a 5 volte il diametro del
raccordo stesso, possono essere realizzati in materiale di classe di reazione al fuoco 0 (zero), 0-1
(zero-uno), 1-0 (uno-zero), 1-1 (uno-uno) o 1 (uno).
Le condotte di classe 0 (zero) possono essere rivestite esternamente con materiali isolanti di classe
di reazione al fuoco non superiore ad 1 (uno).
Nelle more dell’emanazione di specifiche norme tecniche armonizzate e dei connessi sistemi di
classificazione per la tipologia di prodotti oggetto del presente decreto, sono ammessi manufatti in
classe di reazione al fuoco A1, come definita nel sistema di classificazione europeo di cui alla
Decisione 2000/147/CE.
Detti materiali devono essere omologati dal Ministero dell’interno ed individuati come “condotte
di ventilazione e riscaldamento” o “manufatti completi isolanti per condotte di ventilazione e
riscaldamento”. La rispondenza a quanto dichiarato dal produttore, circa le modalità di
assemblaggio ed installazione del manufatto, dovrà essere attestata dall’installatore mediante
apposita dichiarazione di conformità 10.
6.3.1.1. Dispositivo di controllo
a) Comando manuale – Ogni impianto deve essere dotato di un dispositivo di comando manuale,
situato in un punto facilmente accessibile, per l’arresto dei ventilatori in caso di incendio.
b) Dispositivi automatici termostatici – Gli impianti, a ricircolo di aria, di potenzialità superiore a
20.000 mc/h devono essere provvisti di dispositivi termostatici di arresto automatico dei ventilatori
in caso di aumento anormale della temperatura nelle condotte.
Tali dispositivi, tarati a 70°C, devono essere installati in punti adatti, rispettivamente delle condotte
dell’aria di ritorno (prima della miscelazione con l’aria esterna) e della condotta principale di
immissione dell’aria;
Inoltre l’intervento di tali dispositivi non deve consentire la rimessa in moto dei ventilatori senza
l’intervento manuale.
c) Dispositivi automatici di rilevazione dei fumi.
Gli impianti, a ricircolo d’aria, di potenzialità superiore a 50.000 mc/h devono essere muniti di
rilevatori di fumo, in sostituzione dei dispositivi termostatici previsti nel precedente comma, che
comandino l’arresto dei ventilatori.
L’intervento di tali dispositivi non deve consentire la rimessa in marcia dei ventilatori senza
l’intervento manuale dell’operatore.
6.3.2. Condizionamento localizzato.
È consentito il condizionamento dell’aria a mezzo di armadi condizionatori a condizione che il
fluido refrigerante non sia infiammabile.
6.3.4. Impianti centralizzati per la produzione di aria compressa.
Detti impianti, se di potenza superiore a 10 kW, devono essere installati in locali aventi almeno una
parete attestata verso l’esterno ovvero su intercapedine grigliata, muniti di superficie di sfogo non
inferiore a 1/15 della superficie in pianta del locale.
6.4. Spazi per l’informazione e le attività parascolastiche.
Vengono definiti «spazi destinati all’informazione ed alle attività parascolastiche», i seguenti locali:
auditori;
aule mappe;
sale per rappresentazioni.
Detti spazi devono essere ubicati in locali fuori terra o al 1° interrato fino alla quota massima di -
7,50 m; se la capienza supera le cento persone e vengono adibiti a manifestazioni non scolastiche, si
applicano le norme di sicurezza per i locali di pubblico spettacolo. Qualora, per esigenze di
carattere funzionale, non fosse possibile rispettare le disposizioni sull’isolamento delle suddette
norme, le manifestazioni in argomento potranno essere svolte a condizione che non si verifichi
contemporaneità con l’attività scolastica; potranno essere ammesse comunicazioni unicamente nel
rispetto delle disposizioni di cui al punto 2.4.
6.5. Autorimesse.
Detti locali devono rispondere ai requisiti di sicurezza stabiliti dalle specifiche norme tecniche in
vigore.
6.6. Spazi per servizi logistici.
6.6.1. Mense.
10 I requisiti di reazione al fuoco dei materiali costituenti le condotte di distribuzione e ripresa aria degli impianti di
condizionamento e ventilazione sono stati così definiti dall’articolo 2 del decreto del Ministro dell’interno 31 marzo
2003 (G. U. n. 86 del 12 aprile 2003) che ha abrogato le precedenti disposizioni di prevenzione incendi impartite in
materia.
Locali destinati alla distribuzione e/o consumazione dei pasti.
Nel caso in cui a tali locali sia annessa la cucina e/o il lavaggio delle stoviglie con apparecchiature
alimentate a combustibile liquido o gassoso, agli stessi si applicano le specifiche normative di
sicurezza vigenti;
6.6.2. Dormitori.
Locali destinati all’alloggiamento ad esclusivo uso del complesso scolastico.
Essi devono rispondere alle vigenti disposizioni di sicurezza emanate dal Ministero dell’interno per
le attività alberghiere.
7. IMPIANTI ELETTRICI
7.0. Generalità.
Gli impianti elettrici del complesso scolastico devono essere realizzati in conformità ai disposti di
cui alla legge 1° marzo 1968, n. 186.
Ogni scuola deve essere munita di interruttore generale, posto in posizione segnalata, che permetta
di togliere tensione all’impianto elettrico dell’attività; tale interruttore deve essere munito di
comando di sgancio a distanza, posto nelle vicinanze dell’ingresso o in posizione presidiata.
7.1. Impianto elettrico di sicurezza.
Le scuole devono essere dotate di un impianto di sicurezza alimentato da apposita sorgente, distinta
da quella ordinaria.
L’impianto elettrico di sicurezza deve alimentare le seguenti utilizzazioni, strettamente connesse
con la sicurezza delle persone:
a) illuminazione di sicurezza, compresa quella indicante i passaggi, le uscite ed i percorsi delle vie
di esodo che garantisca un livello di illuminazione non inferiore a 5 lux;
b) impianto di diffusione sonora e/o impianto di allarme.
Nessun’altra apparecchiatura può essere collegata all’impianto elettrico di sicurezza.
L’alimentazione dell’impianto di sicurezza deve potersi inserire anche con comando a mano posto
in posizione conosciuta dal personale.
L’autonomia della sorgente di sicurezza non deve essere inferiore ai 30′.
Sono ammesse singole lampade o gruppi di lampade con alimentazione autonoma.
Il dispositivo di carica degli accumulatori, qualora impiegati, deve essere di tipo automatico e tale
da consentire la ricarica completa entro 12 ore.
8. SISTEMI DI ALLARME
8.0. Generalità.
Le scuole devono essere munite di un sistema di allarme in grado di avvertire gli alunni ed il
personale presenti in caso di pericolo.
Il sistema di allarme deve avere caratteristiche atte a segnalare il pericolo a tutti gli occupanti il
complesso scolastico ed il suo comando deve essere posto in locale costantemente presidiato
durante il funzionamento della scuola.
8.1. Tipo di impianto.
Il sistema di allarme può essere costituito, per le scuole di tipo 0-1-2, dallo stesso impianto a
campanelli usato normalmente per la scuola, purché venga convenuto un particolare suono;
Per le scuole degli altri tipi deve essere invece previsto anche un impianto di altoparlanti.
9. MEZZI ED IMPIANTI FISSI DI PROTEZIONE ED ESTINZIONE DEGLI INCENDI
9.0. Generalità.
Ogni tipo di scuola deve essere dotato di idonei mezzi antincendio come di seguito precisato.
9.1. Rete idranti.
Le scuole di tipo 1-2-3-4-5, devono essere dotate di una rete idranti costituita da una rete di
tubazioni realizzata preferibilmente ad anello ed almeno una colonna montante in ciascun vano
scala dell’edificio; da essa deve essere derivato ad ogni piano, sia fuori terra che interrato, almeno
un idrante con attacco UNI 45 a disposizione per eventuale collegamento di tubazione flessibile o
attacco per naspo.
11 Ai fini della realizzazione della rete, prescritta al primo capoverso, si chiarisce che possono essere installati naspi DN
25; l’alimentazione, in tale caso, deve garantire ai tre naspi idraulicamente più sfavoriti una pressione al bocchello di
almeno 1,5 bar. Negli edifici di tipo 4 e 5 devono essere installati in ogni caso idranti DN 45.
La tubazione flessibile deve essere costituita da un tratto di tubo, di tipo approvato, con
caratteristiche di lunghezza tali da consentire di raggiungere col getto ogni punto dell’area protetta.
Il naspo deve essere corredato di tubazione semirigida con diametro minimo di 25 mm e anch’esso
di lunghezza idonea a consentire di raggiungere col getto ogni punto dell’area protetta.
Tale idrante deve essere installato nel locale filtro, qualora la scala sia a prova di fumo interna.
Al piede di ogni colonna montante, per edifici con oltre 3 piani fuori terra, deve essere installato un
idoneo attacco di mandata per autopompa.
Per gli altri edifici è sufficiente un solo attacco per autopompa per tutto l’impianto.
L’impianto deve essere dimensionato per garantire una portata minima di 360 l/min. per ogni
colonna montante e, nel caso di più colonne, il funzionamento contemporaneo di almeno 2 colonne.
L’alimentazione idrica deve essere in grado di assicurare l’erogazione ai 3 idranti idraulicamente
più sfavoriti, di 120 l/min. cad., con una pressione residua al bocchello di 1,5 bar per un tempo di
almeno 60 min.
Qualora l’acquedotto non garantisca le condizioni di cui al punto precedente dovrà essere installata
una idonea riserva idrica alimentata da acquedotto pubblico e/o da altre fonti.
Tale riserva deve essere costantemente garantita.
Le elettropompe di alimentazione della rete antincendio devono essere alimentate elettricamente da
una propria linea preferenziale.
Nelle scuole di tipo 4 e 5, i gruppi di pompaggio della rete antincendio devono essere costituiti da
due pompe, una di riserva all’altra, alimentate da fonti di energia indipendenti (ad esempio
elettropompa e motopompa o due elettropompe).
L’avviamento dei gruppi di pompaggio deve essere automatico.
Le tubazioni di alimentazione e quelle costituenti la rete devono essere protette dal gelo, da urti e
dal fuoco.
Le colonne montanti possono correre, a giorno o incassate, nei vani scale oppure in appositi
alloggiamenti resistenti al fuoco REI 60.
9.2. Estintori.
Devono essere installati estintori portatili di capacità estinguente non inferiore 13 A, 89 B, C di tipo
approvato dal Ministero dell’interno in ragione di almeno un estintore per ogni 200 m2 di pavimento
o frazione di detta superficie, con un minimo di due estintori per piano.
9.3. Impianti fissi di rivelazione e/o di estinzione degli incendi.
11 Chiarimento fornito con Lettera-Circolare prot. P954/4122 sott. 32 del 17 maggio 1996.
Limitatamente agli ambienti o locali il cui carico d’incendio superi i 30 kg/m2, deve essere installato
un impianto di rivelazione automatica d’incendio, se fuori terra, o un impianto di estinzione ad
attivazione automatica, se interrato.
10. SEGNALETICA DI SICUREZZA
Si applicano le vigenti disposizioni sulla segnaletica di sicurezza, espressamente finalizzata alla
sicurezza antincendi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 1982, n. 524
(Gazzetta Ufficiale n. 218 del 10 agosto 1982)12.
11. NORME DI SICUREZZA PER LE SCUOLE DI TIPO «O»
Le strutture orizzontali e verticali devono avere resistenza al fuoco non inferiore a REI 30.
Gli impianti elettrici devono essere realizzati a regola d’arte in conformità alla legge n. 186 del 1°
marzo 1968.
Deve essere assicurato, per ogni eventuale caso di emergenza, il sicuro esodo degli occupanti la
scuola.
Devono essere osservate le disposizioni contenute nei punti 3,1, 9.2, 10, 12.1, 12.2, 12.4, 12.6, 12.7,
12.8, 12.9.
12. NORME DI ESERCIZIO
A cura del titolare dell’attività dovrà essere predisposto un registro dei controlli periodici ove sono
annotati tutti gli interventi ed i controlli relativi all’efficienza degli impianti elettrici,
dell’illuminazione di sicurezza, dei presidi antincendio, dei dispositivi di sicurezza e di controllo,
delle aree a rischio specifico e dell’osservanza della limitazione dei carichi d’incendio nei vari
ambienti dell’attività.
Tale registro deve essere mantenuto costantemente aggiornato e disponibile per i controlli da parte
dell’autorità competente.
12.0 Deve essere predisposto un piano di emergenza e devono essere fatte prove di evacuazione,
almeno due volte nel corso dell’anno scolastico.
12.1. Le vie di uscita devono essere tenute costantemente sgombre da qualsiasi materiale.
12.2. È fatto obbligo di compromettere la agevole apertura e funzionalità dei serramenti delle uscite
di sicurezza, durante i periodi di attività della scuola, verificandone l’efficienza prima dell’inizio
delle lezioni.
12.3. Le attrezzature e gli impianti di sicurezza devono essere controllati periodicamente in modo
da assicurare la costante efficienza.
12.4. Nei locali ove vengono depositate o utilizzate sostanze infiammabili o facilmente combustibili
è fatto divieto di fumare o fare uso di fiamme libere.
12.5 I travasi di liquidi infiammabili non possono essere effettuati se non in locali appositi con
recipienti e/o apparecchiature di tipo autorizzato.
12.6 Nei locali della scuola, non appositamente all’uopo destinati, non possono essere depositati e/o
utilizzati recipienti contenenti gas compressi e/o liquefatti. I liquidi infiammabili o facilmente
combustibili e/o le sostanze che possono comunque emettere vapori o gas infiammabili, possono
essere tenuti in quantità strettamente necessarie per esigenze igienico-sanitarie e per l’attività
didattica e di ricerca in corso come previsto al punto 6.2.
12.7. Al termine dell’attività didattica o di ricerca, l’alimentazione centralizzata di apparecchiature
o utensili con combustibili liquidi o gassosi deve essere interrotta azionando le saracinesche di
12 IL DPR 524/1982 è stato abrogato e sostituito dal Decreto Legislativo 14 agosto 1996, n. 493 (S.O.G.U. n. 223 del 23
settembre 1996).
intercettazione del combustibile, la cui ubicazione deve essere indicata mediante cartelli segnaletici
facilmente visibili.
12.8 Negli archivi e depositi, i materiali devono essere depositati in modo da consentire una facile
ispezionabilità, azionando corridoi e passaggi di larghezza non inferiore a 0,90 m.
12.9. Eventuali scaffalature dovranno risultare a distanza non inferiore a m 0,60 dall’intradosso del
solaio di copertura.
12.10. Il titolare dell’attività deve provvedere affinché nel corso della gestione non vengano alterate
le condizioni di sicurezza. Egli può avvalersi per tale compito di un responsabile della sicurezza, in
relazione alla complessità e capienza della struttura scolastica.
13. NORME TRANSITORIE
Negli edifici esistenti, entro cinque anni all’entrata in vigore del presente decreto13, devono essere
attuate le prescrizioni contenute negli articoli seguenti:
scuole realizzate successivamente all’entrata in vigore del decreto ministeriale 18 dicembre 1975:
2.4, 3, 4, 5, 6.1, 6.2, 6.3, 6.4, 6.5, 6.6, 7, 8, 9, 10, 12;
scuole preesistenti alla data di entrata in vigore del decreto ministeriale 18 dicembre 1975;
2.4, 3.1, 5 (5.5 larghezza totale riferita al solo piano di massimo affollamento), 6.1, 6.2, 6.3.0, 6.4,
6.5, 6.6, 7, 8, 9, 10, 12.
14. DEROGHE
Nei casi in cui per particolari motivi tecnici o per speciali esigenze funzionali, non fosse possibile
attuare qualcuna delle prescrizioni contenute nella presente normativa, il titolare della gestione della
scuola può avanzare motivata richiesta di deroga in base all’art. 21 del decreto del Presidente della
Repubblica n. 577 del 29 luglio 1982 e secondo le procedure indicate nello stesso articolo14. Le
istanze devono essere redatte in carta legale e corredate di grafici e di relazione tecnica che illustri,
sotto l’aspetto antincendio, le caratteristiche dell’edificio e le misure alternative proposte al fine di
garantire un grado di sicurezza equivalente a quello previsto dalle norme a cui si intende derogare.
13 La scadenza originaria dei termini di adeguamento ha subito ripetute proroghe. Da ultimo la legge n. 26/2005 ha
fissato la data del 30 giugno 2006 per il completamento dei lavori negli edifici scolastici esistenti e per i quali risulti
presentato entro il 30 giugno 2005, al competente Comando provinciale VV.F., il progetto per l’acquisizione del parere
di conformità. Successivamente la legge 296/2006 (legge finanziaria per l’anno 2007) ha previsto che le Regioni
possano fissare un nuovo termine, comunque non successivo al 31 dicembre 2009, per il completamento della messa in
sicurezza degli edifici scolastici previa sottoscrizione di un accordo denominato “patto per la sicurezza” tra Ministero
della pubblica istruzione, regione ed enti locali.
14 L’art. 21 del DPR n. 577/82 è stato abrogato e sostituito dall’art. 6 del DPR 12 gennaio 1998 n. 37.
ALLEGATO 1 AL D.M. 26 AGOSTO 1992

Argomenti: , , , ,

22 Risposte to “ Sicurezza antincendio delle scuole ”

  1. stefania on marzo 2010 at 12:59 am

    Salve! Ho un dilemma sul numero di uscite di sicurezza da realizzare in un asilo nido con numero di persone presenti inferiore a 100 disposto su un unico livello e con percorsi inferiori a 40mt.
    E’ comunque necessario realizzare almeno due uscite di sicurezza? Sembra che la norma (DM 26.08.92) si riferisca anche a scuole di tipo 0 (<100persone) anche se non espressamente indicato…
    Se si, quali caratteristiche dovrebbero avere tali uscite (maniglioni antipanico, apertura nel senso dell’esodo, larghezza min)?
    Una delle due uscite potrebbe non rispettare i requisiti per l’accessibilità e aprire su un dislivello di 3 alzate?
    Spero che mi possiate schiarire le idee!!!
    Grazie

  2. comitato tecnico on marzo 2010 at 7:27 am

    Gli asili nido secondo noi non si configurano, dal punto di vista antincendio, come scuole e quindi il DM 26/8/92 può eventualmente essere preso come riferimento anche se per certi versi, data la presenza di non autosufficienti, l’attività si configura quasi come un’attività di tipo sanitario assistenziale..
    Detto questo dal punto di vista delle uscite nel caso in esame si deve dimostrare il rispetto del DM 10/3/98, valutando soprattutto la lunghezza dei percorsi di esodo che, nel caso di una sola uscita, non dovrebbe secondo noi superare i 15 mt (dato comunque il livello di rischio elevato dell’attività, legato alla presenza di bambini non autosufficienti..) Se si supera questo percorso è necessario disporre di due uscite.
    la larghezza dell’uscita dovrà poi essere di almeno 90 cm, con apertura nel senso dell’esodo e dotata di maniglione antipanico, considerando che per una porta di 90 cm possono essere evacuati, al piano terreno, 50 persone; se il numero di presenti supera i 50 si dovrà disporre di una seconda porta.
    La seconda uscita può aprirsi su di un pianerottolo, di lunghezza almeno pari alla larghezza della via di esodo, seguito da gradini.
    Molto importante garantire i requisiti di reazione al fuoco di arredi, rivestimenti, materasse ecc., l’illuminazione di sicurezza e attivare un efficace piano di emergenza; sarebbe inoltre opportuno valutare, in funzione della distribuzione dei locali, l’istallazione di un impianto di rivelazione ed allarme.

    La Segreteria tecnica

  3. Laura on ottobre 2010 at 2:30 am

    Salve, ho un problema nel calcolo del massimo affollamento di una scuola: i “laboratori” vanno considerati come aule? Se lo facessi, dal calcolo risulterebbero molti più alunni nella scuola di quelli effettivamente presenti, però bisogna considerare il MASSIMO nella condizione più sfavorevole: se su un piano (diciamo il piano primo) ci sono 4 aule e 3 laboratori devo considerare la contemporaneità delle presenze, no? Però poi farei lo stesso anche al piano terra ed otterrei un numero di alunni superiore a quello che otterrei se moltiplicassi 26 x il numero di classi. Come devo procedere?
    Grazie

  4. comitato tecnico on ottobre 2010 at 2:31 am

    Nel calcolo dell’affollamento si deve tenere conto della contemporaneità delle presenze e valutare la situazione più gravosa. Quindi se al piano si trovano 4 aule e 3 laboratori l’affollamento calcolato del iano sarà effettivamente di 7 aule x 26 alunni; dovrà comunque essere tenuto presente, per il dimensionamento delle scale, la somma dell’affollamento dei due piani consecutivi.
    Ovviamente il numero massimo di persone presenti non aumenterà.

    La Segreteria tecnica

  5. massimo on novembre 2010 at 11:10 pm

    Salve, dovendo procedere all’acquisto di arredi per due aule laboratorio informatico, con banchi e sedie, circa da 35 posti cadauna, potrei cortesemente avere dei riferimenti normativi sugli spazi sa lasciare liberi per consentire gli esodi e quali sono i principali criteri di distribuzione degli arredi?
    Sentiti ringraziamenti

  6. comitato tecnico on novembre 2010 at 11:12 pm

    Purtroppo non ci sono norme antincendio sulla distribuzione degli arredi nelle aule. Secondo noi è sufficiente applicare quanto previsto dal DM 236 del 1989, che, nel garantire l’accessibilità, di fatto migliora la sicurezza degli ambienti.

    La Segreteria tecnica

  7. Antigone on dicembre 2010 at 7:01 am

    Buon giorno volevo porre un quesito relativamente alle porte antipanico e alla sicurezza degli alunni, nella mia scuola, infatti, un bambino è scappato dall’edificio scolastico dicendo all’insegnante che andava in bagno, proprio attraverso ‘l’uscita di sicurezza’. Dato che tali uscite non devono essere sorvegliate dal personale scolastico volevo sapere se c’è una norma che prescriva che tali porte debbano essere allarmate al fine di garantire la sicurezza dei bambini e la tranquillità del personale docente.

  8. comitato tecnico on dicembre 2010 at 7:02 am

    Nelle scuole, come nelle altre attività, nessuna norma vieta di allarmare le porte, ma non esistono nemmeno obblighi di tale tipo di installazione.

    La Segreteria tecnica

  9. Erica on dicembre 2010 at 3:16 am

    Buongiorno,
    nella scuola materna di mio figlio quest’anno non è stata organizzata la festa di Natale per motivi di sicurezza non meglio precisati. Credo il problema sia l’afflusso di genitori e quindi il numero di presenze il giorno della festa. La scuola è costituita da un solo piano fuori terra e ogni aula ha una o due uscite di sicurezza che portano direttamente in giardino. Volendo si potrebbero organizzare più feste una per ogni sezione per non sovraffollare la scuola.
    In ogni caso vorrei sapere quali norme regolano le feste scolastiche e se ci sono deroghe particolari (es. richiedere la presenza di un vigile del fuoco). Grazie, Erica
    Grazie

  10. comitato tecnico on dicembre 2010 at 3:17 am

    Non esistono norme per questo tipo di festa. Il primo parametro da controllare, comunque, è la quantità di persone rispetto alle uscite disponibili. Se le uscite per questo tipo di scuola sono una per meno di 50 persone presenti, non ci dovrebbero essere problemi per la sicurezza antincendio.

    La Segreteria tecnica

  11. michela di gangi on gennaio 2011 at 11:44 am

    sono stati posti nella palestra della mia scuola accanto proprio gli attrezzi 6 estintori è possibile? o è non a norma.

  12. comitato tecnico on gennaio 2011 at 11:44 am

    La norma antincendio sulle scuole, come tutte le norme antincendio, non ci pare che vieti l’installazione di estintori.

    La Segreteria tecnica

  13. Salvatore on febbraio 2011 at 8:14 am

    Salve, vorrei sapere se esiste una norma per dimensionare lo l’area occorrente per il punto di raccolta in funzione del numero di persone in un luogo adibito a scuola (numero presunto circa 600 persone).
    Grazie

  14. redazione tecnica on febbraio 2011 at 8:15 am

    La regola tecnica che riguarda le scuole non fornisce indicazioni. Un riferimento potrebbe arrivare, ad esempio, dal DM 18/3/96 che per le aree di servizio annesse all’impianto indica come accettabili 2 persone per metro quadro.

  15. Marco on marzo 2011 at 10:32 pm

    Buongiorno,
    ho visto recentemente che alcuni istituti scolastici hanno personale formato nell’antincendio con corsi per rischio medio. questo può essere corretto? il personale non dovrebbe sostenere corsi per atività a rischio alto?
    se non sbaglio nelle scuole con più di 300 persone presenti è obbligatoria la presenza di almeno un soggetto con attestato di idoneità tecnica rilasciato esclusivamente dal c.n.vv.f. il responsabile del servizio di prevenzione e protezione in possesso dell’attestato di specializzazione antincendio (legge 818) può sostituire tale figura?
    ringrazio per la gentile risposta.

    cordiali saluti.

  16. Danilo Diquigiovanni on marzo 2011 at 2:53 am

    Gentilissimi,
    scrivo dalla segreteria di un Istituto Comprensivo.
    Lunedì prossimo si avvierà un corso di formazione di 8 ore.
    Alcuni docenti, non troppo disponibili, chiedono in base a quale norma debbano accedere alla formazione che è stata imposta come obbligatoria.
    Potete aiutarmi indicandomi quali sono i riferimenti legislativi che impongo la partecipazione a tale evento formativo?
    Grazie

  17. comitato tecnico on marzo 2011 at 2:58 am

    Se il corso riguarda l’antincendio il riferimento è il DM 10 marzo 1998.

    La Segreteria tecnica

  18. Marianna on aprile 2011 at 7:23 am

    Salve vorrei avere delucidazione relativamente al dimensionamento di un impianto in una scuola 4 p.f.t. oltre a seminterrato ed ammezato.
    Come posso calcolare la portata e i mc d’acqua da uttilizzare in caso di emergenza?
    Grazie

  19. VINCENZA on gennaio 2012 at 11:33 am

    Salve, secondo il DPR 151/2011 l’attività 67 si suddivide in:
    -Attività 67.1.A : Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie con oltre 100 persone presenti (fino a 150 persone).
    -Attività 67.2.B : Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie con oltre 150 persone presenti (fino a 300 persone).
    Attività 67.3.B : Asili nido con oltre 30 persone presenti
    -Attività 67.4.C : Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie con oltre 300 persone presenti.
    Secondo il DM 10.03.98 circa la formazione del personale addetto alla prevenzione incendi, il corso di formazione in un scuola con popolazione compresa tra 301 e 1000 il corso di formazione era di otto ore per le attività a medio rischio mentre con oltre 1000 di 16 ore. Con il nuovo DPR 151/2011 nelle scuole con oltre 300 dobbiamo procedere alla formazione degli addetti per attività ad elevato rischio di incendio (16 ore)?
    Grazie

  20. comitato tecnico on gennaio 2012 at 6:40 am

    L’interpretazione dovrebbe essere corretta.

    La Segreteria tecnica

  21. claudia rosso on gennaio 2012 at 6:20 am

    Buongiorno, avrei bisogno di un riscontro rispetto all’assoggettività delle aule per il catechismo e relativi locale attinenti le opere parrocchiali.
    In pratica relativamente alla realizzazione di un nuovo edificio costituito da 3 livelli: piano terra con cappella, salone parrocchiali e centro anziani che penso debba rientrare nell’attività 65.1.B del DPR 151/11(sicureamente superiore a 100 persone) e due piani superiori con le aule per il catechismo che servono circa 300 persone per un’ora la settimana e credo sia rispondente all’attività 67.2.B DPR 151/11.Il progetto deve essere sviluppato secondo il DM 19/08/1996 per il piano terra e DM 26/08/1992 per le aule catechesi?Grazie

    RISPOSTA
    Secondo noi non sono attività soggette, in quanto non sono locali di pubblico spettacolo e nemmeno scuole.
    La Segreteria tecnica

  22. Camilla on agosto 2012 at 9:00 am

    Buonasera,
    ho un dubbio per quanto riguarda la categoria degli asili nido: “Attività 67.3.B : Asili nido con oltre 30 persone presenti”
    quali sono gli obblighi nel caso di asilo nido con meno di trenta persone presenti? (nel mio caso ho un max di 27 bambini più 2 maestre)

    Grazie.

    RISPOSTA
    Esiste l’obbligo di garantire la sicurezza, anche se non si deve produrre la SCIA.

Scrivi un commento