Al momento stai visualizzando Prevenzione e tutela sul lavoro: essere preparati in caso di incendio 
flashover

Prevenzione e tutela sul lavoro: essere preparati in caso di incendio 

Conoscere le procedure antincendio è una cosa molto importante sia in ambiente domestico che in ambiente lavorativo. Oltre alle norme da seguire in caso di incendio, è fondamentale essere attrezzati per essere pronti a intervenire in qualsiasi evenienza.

Per questo motivo, nei luoghi di lavoro o in cui è previsto lo svolgimento di attività di ogni tipo, vi sono regole che stabiliscono la presenza di oggetti atti a estinguere le fiamme, come ad esempio l’estintore o la coperta antifiamma utile per spegnere piccoli incendi.

La coperta antifiamma può essere utilizzata in sostituzione degli estintori nel caso di piccoli incendi, evitando così la dispersione di agenti chimici nell’aria.

Sicurezza sul lavoro: norme per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori

Secondo la legge italiana, i titolari di aziende che hanno a che fare con oggetti infiammabili – che si tratti di produzione, lavorazione o detenzione di tali oggetti – devono attenersi a controlli richiesti dalla normativa antincendi.

Queste norme, come riportato anche sul sito del Ministero degli interni https://www.interno.gov.it/it/temi/prevenzione-e-soccorso/prevenzione-incendi, devono essere rispettate dagli insediamenti civili, artigianali commerciali e industriali.

Non solo per quanto riguarda gli accorgimenti, le modalità di intervento, la segnaletica, ma anche gli strumenti atti all’estinzione delle fiamme devono essere a norma di legge prima ancora di essere installati.

L’estintore, per esempio, deve essere presente per legge negli insediamenti prima elencati, e possedere determinate caratteristiche, devono essercene una determinata quantità in base alla grandezza del locale, deve essere fissato al muro e deve trovarsi a massimo 30 metri di portata dalle persone.

Vedi Anche:  Aggiornamento antincendio rischio basso

La coperta antifiamma non è invece obbligatoria, ma si tratta di un presidio antinfortunistico davvero pratico.

Coperta antifiamma: di cosa si tratta e come si utilizza

La coperta antincendio consiste in un telo in fibra di vetro non combustibile che permette di soffocare fiamme di dimensioni limitate.

Il vantaggio della coperta sull’estintore a polvere è che non si basano sull’utilizzo di agenti chimici, che quindi non vengono dispersi nell’ambiente, sono pratici e occupano poco spazio.

Dal punto di vista della manutenzione, si tratta di oggetti che vanno utilizzati una singola volta, quindi la normativa non prevede alcun tipo di manutenzione, l’importante è che sia intatto e che non venga utilizzato una seconda volta.

Per quanto riguarda le modalità d’utilizzo bisogna rispettare pochi semplici passaggi:

  • Si ricorda che la coperta è indicata per incendi di piccole dimensioni (computer, stampante, cestino, indumenti, zone delimitate),
  • Si estrae la coperta antifiamma dalla confezione (intatta),
  • Si usa la coperta per proteggersi dal calore delle fiamme,
  • Ci si avvicina con cautela alle fiamme per non rischiare di creare movimenti d’aria che possano alimentare il processo di combustione e si adagia la coperta sul materiale che sta bruciando,
  • Si fa aderire la coperta il più possibile per eliminare tutta l’aria possibile e lasciarla la quantità di tempo adeguata ad avere la sicurezza che l’incendio sia stato domato,
  • Si getta via il dispositivo usato poiché non potrà essere efficace per un eventuale secondo utilizzo.