Cosa sono gli estintori a co2, come si fa il collaudo e la revisione? Qual’è il prezzo dell’ estintore co2 e qual’è la differenza tra estintore a polvere e co2. In questo articolo cercheremo di dare risposta a queste ricerche.

Come funziona l’estintore co2?

co2 estintori
co2 estintori

Nello specifico l’estintore a CO2 è indicato per lo spegnimento dei fuochi B e C, soprattutto in prossimità dei quadri elettrici essendo di natura isolante.

Gli estintori co2, ovverosia di quelli ad anidride carbonica, funzionano in questo modo: la loro azione di agente estinguente si sviluppa in raffreddamento e soffocamento o inibizione dell’ossigeno.

Per le loro caratteristiche, gli estintori a co2 risultano pienamente efficaci in caso di fuochi di classe B, C ed ex classe E, che andiamo brevemente ad illustrare:

  • classe B: sono i fuochi provocati da materiali liquidi come la benzina o l’alcol
  • classe C: sono i fuochi provocati da materiali gassosi
  • ex classe E: sono i fuochi generati in apparecchiature elettriche in tensione, quali trasformatori, alternatori, interruttori, quadri elettrici.

N.B.: l’estintore c02 è poco efficace sulla classe A se si è già formata la brace.

Efficacia dell’anidride carbonica sul fuoco

Questo estintore all’anidride carbonica è dotato di una bombola d’acciaio. All’interno del serbatoio si trova l’anidride carbonica, compressa in uno stato liquido: una volta premuta la leva, viene aspirata aria dall’interno e il liquido che ne fuoriesce diviene una semplice neve carbonica in grado di domare l’incendio; si trasforma infine in giacchio secco.

Gli estintori ad anidride carbonica di piccole dimensioni, come l’estintore a CO2 2 kg, hanno il cono diffusore direttamente collegato alla valvola di intercettazione, mentre quelli di peso superiore, come l’estintore co2 6 kg, presentano un tubo ad alta pressione e collegato ad esso il cono diffusore. Il cono diffusore è realizzato in materiale sintetico resistente agli shock termici, il PVC.

Vedi Anche:  Aggiornamento antincendio rischio basso

Sull’estintore è presente anche un’impugnatura, necessaria affinché l’addetto antincendio non si ustioni a causa del brusco abbassamento della temperatura causato dalla fuoriuscita del gas (circa -79°C). È fondamentale verificare che tutte le parti dell’estintore a CO2 siano ben collegate tra loro prima di azionarlo.

Inoltre, è importante che l’ogiva dell’estintore riporti l’anno di costruzione, il numero progressivo, la tara, il peso specifico co2, la pressione di collaudo e il nome del costruttore.

Per la ricarica estintori co2 o la revisione estintori co2 contattaci senza impegno, ti forniremo un preventivo gratuito e senza impegno.

Collocazione corretta degli estintori a CO2

Come ogni dispositivo atto alla sicurezza di persone ed immobili, anche gli estintori a CO2 devono essere posizionati correttamente in modo da poter essere utilizzati repentinamente in caso di necessità. Le linee guida per una collocazione ottimale tengono in considerazione differenti aspetti che sono:

  1. accessibilità
  2. segnalazione
  3. numero di dispositivi

L’ultima caratteristica è quella della distribuzione degli estintori a CO2 rispetto all’area che dovranno coprire. Se il perimetro risulta molto esteso, sarà necessario dotarsi di molteplici dispositivi antincendio, al fine di garantire una copertura efficace e completa di tutto l’immobile. In questo modo si potrà assicurare la protezione di ambienti e persone nel caso in cui dovesse insorgere un incendio.

Revisione e collaudo estintori co2: ogni quanto?

Per quanto attiene, nello specifico, agli estintori a CO2 la revisione, che consiste nell’esecuzione, da parte di personale esterno specializzato e riconosciuto, di una serie di accertamenti ed interventi per verificare e rendere perfettamente efficiente l’estintore (come per esempio controllare la pressione estintore co2), va effettuata ogni 5 anni.

Vedi Anche:  Flashover: l'incendio generalizzato

Il collaudo, invece, consiste in una misura di prevenzione atta a verificare, da parte di personale esterno specializzato e riconosciuto, la stabilità dell’involucro tramite prova idraulica e la sua periodicità è fissata attualmente in 10 anni.

Se vuoi sapere del estintore co2 prezzo e costi al kg, richiedici un preventivo gratuito. Le ditte di antincendio nella tua zona ti forniranno un preventivo nel corso della giornata.